La meglio gioventù

Titolo: La meglio gioventù

Regista: Marco Tullio Giordana

Principali attori: L. Lo Cascio, A. Boni, S. Bergamasco, A. Asti, J. Trinca, F. Gifuni, V. Carnelutti

Anno: 2003

Paese: Italia

La meglio gioventù

La meglio gioventù

Emozionale. Questo è l’aggettivo che credo sintetizzi La meglio gioventù, film di sei ore nato per la televisione che rappresenta senza dubbio uno dei (pochi, pochissimi direi) prodotti cinematografici di rilievo che abbiano visto la luce in Italia negli ultimi trent’anni.

Il bel tema musicale Catherine et Jim di Georges Delerue, tratto da Jules e Jim, è utilizzato efficacemente, così come il motivo triste di Les parapluies de Cherbourg e i pezzi per piano di Mozart (suonato da Giulia, ovvero Sonia Bergamasco, nella cornice della alluvionata Firenze del 1966), Schumann, Bach, Ravel.

La meglio gioventù

La meglio gioventù

A fare da modello per la creatura di Giordana non è Novecento di Bertolucci, film che era già vecchio nel 1976, quando uscì nelle sale, e oggi appare decisamente fuori registro (nonostante possa vantare ancora degli appassionati fans). Il riferimento è invece la trilogia Heimat del regista bavarese Edgar Reitz, un’opera che nel complesso supera le cinquanta ore di spettacolo.

La meglio gioventù

La meglio gioventù

La caratterizzazione dei personaggi è incisiva, anche se non giunge a equivalere gli eccelsi livelli dei lavori di Reitz. Inoltre, come ancora in Heimat, i caratteri non sono immobili, ma vivono il loro stesso sviluppo. In una parola: sono complessi, ovvero poliedrici e in evoluzione continua. Basti pensare a Giulia (Sonia Bergamasco), di cui comprendiamo le scelte anche quando non le condividiamo e che seguiamo con palpitazione nel suo difficoltoso percorso: non avrebbe diritto di cittadinanza in un mondo insopportabilmente manicheo come quello di Novecento.

La meglio gioventù

La meglio gioventù

Come in parte Heimat 3 (e diversamente dal primo e dal secondo capitolo della saga), La meglio gioventù denuncia a tratti quei toni mélo caratteristici della soap opera. A un livello artistico infinitamente superiore, però, e in ogni caso in un contesto di performances attoriali di ottimo livello.

  1. Interesse dell’argomento trattato: soggetto 9
  2. Originalità 8
  3. Profondità d’analisi della storia narrata e chiarezza 7
  4. Sceneggiatura 8
  5. Ritmo, equilibrio costruttivo, iteratività 7
  6. Montaggio e regia 7
  7. Fotografia 6
  8. Colonna sonora e effetti 7
  9. Attori: interpretazione 8
  10. Grado di apprezzamento collettivo 7
  11. Forza di coinvolgimento 8
  12. Capacità di suscitare emozioni e/o riflessioni 8

La pagina di La meglio gioventù su IMDb è disponibile al link http://www.imdb.com/title/tt0346336/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2000-2013, Italia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.